Blog

Mancano pochi giorni all’inizo di Ecomondo 2016

Ecomondo, la vetrina più completa nell’area euro mediterranea sulle soluzioni tecnologiche sostenibili, sta per aprire i battenti. Da martedì 8 a venerdì 11 novembre torna infatti la kermesse riminese, che ospiterà, l’8 e il 9 novembre, un appuntamento di grande rilevanza e molto atteso: gli Stati Generali della Green Economy 2016.
Si legge nell’anteprima della relazione inaugurale che la green economy potrebbe essere un driver fondamentale per una ripresa solida dello sviluppo in Italia. La green economy italiana esprime, infatti, eccellenze a livello europeo che, se adeguatamente promosse ed estese, potrebbero trascinare investimenti e nuova occupazione. Analizzando 8 tematiche strategiche (emissioni di gas serra, rinnovabili, efficienza energetica, riciclo dei rifiuti, eco-innovazione, agroalimentare di qualità ecologica, capitale naturale e mobilità sostenibile) con 16 indicatori chiave e mettendo a confronto l´Italia con le altre 4 principali economie europee (Germania, Regno Unito, Francia e Spagna), emerge che la green economy italiana – anche se non priva di debolezze – nel complesso si colloca ad un sorprendente 1° posto.
Questa l´analisi della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, basata su dati validati a livello europeo, contenuta nella prima parte della Relazione sullo stato della green economy 2016 . L´Italia in Europa e nel mondo che aprirà gli Stati Generali della Green Economy 2016. La green economy italiana conquista in questa classifica fra le cinque principali economie europee ben 4 primi posti (nella quota di rinnovabili, nel riciclo dei rifiuti speciali, nelle emissioni pro-capite nei trasporti e nei prodotti agroalimentari di qualità certificata) e ben 3 secondi posti (efficienza energetica, nella produttività delle risorse e nell´agricoltura biologica). Nonostante alcuni punti deboli (l´aumento delle emissioni di gas serra nell´ultimo anno, la bassa crescita delle rinnovabili negli ultimi tre anni e nell´elevato consumo di suolo) complessivamente la green economy italiana realizza la migliore performance complessiva fra le 5 principali economie europee, evidenziando così rilevanti possibilità di sviluppo.

2016-slide-convegno3Il convegno si soffermerà estesamente sull’evoluzione legislativa in materia di Tariffa e di Misurazione Puntuale dei rifiuti, facendo il purno sulle applicazioni realizzate sull’intero territorio nazionale da parte di Amministrazioni Comunali ed Aziende.