Blog

Quanti rifiuti genera ogni anno l’Europa?

Secondo le statistiche pubblicate da Eurostat riportate da Eco delle Città, “ogni cittadino europeo nel 2014 ha generato 475 chilogrammi di rifiuti e di questi soltanto il 44% è stato riciclato o compostato. Il restante 56% è finito nelle discariche (28%) oppure è stato incenerito (27%).”

In generale, prosegue l’articolo, “i paesi migliori nel trattamento dei rifiuti sembrano incapaci di ridurre la quantità di rifiuti generati, mentre quelli più efficienti nella riduzione del quantitativo di rifiuti prodotti tendono a non riuscire a reintrodurre i materiali nell’economia circolare attraverso il riciclo e il compostaggio.” Tenendo questi dati in considerazione, l’associazione Zero West Europe (ZWE) chiede l’adozione di obiettivi chiari riguardo soprattutto ai “rifiuti residuali” (ovvero quelli che non vengono riutilizzati o riciclati e che sono impiegati per produrre energia oppure inviati in discarica). Questi ultimi dovrebbero ammontare al massimo a 100 chilogrammi pro capite all’anno. Questo target sarebbe uno strumento efficace per stimolare il riciclo nei paesi con una bassa produzione di rifiuti e per ridurre la produzione di rifiuti nei paesi che possiedono programmi di riciclaggio avanzati.”

Scorrendo le statistiche dell’anno 2014 da questa prospettiva si può constatare che, ad eccezione di Malta, Cipro e la Danimarca( che generano sostanzialmente più della media UE con circa 600 chilogrammi per abitante), esiste già una “considerevole convergenza tra gli stati membri della UE: la media europea pro capite ammonta a 259 chilogrammi: l’obiettivo di ridurre a 100 chilogrammi entro il 2030 è quindi possibile.”

Il direttore esecutivo di Zero Waste Europe, Joan Marc Simon ha dichiarato a tal proposito che “Un obiettivo per i rifiuti residuali di 100kg pro capite entro il 2030 sarebbe un buon indicatore dell’efficienza de e dell’utilizzo delle risorse perché funzionerebbe ai livelli più alti della gerarchia dei rifiuti, combinando prevenzione, riutilizzo e riciclaggio. La economia circolare in Europea richiede di ridurre la produzione di rifiuti e aumentare i tassi di riciclaggio.”