Blog

Sostanze chimiche a rischio in giocattoli

I giocattoli di plastica potrebbero ritardare lo sviluppo mentale dei bambini, a causa di sostanze, i ritardanti di fiamma bromurati (PBDE), che vengono usati per i dispositivi elettronici e finiscono nei giochi attraverso il riciclo della plastica. Queste sostanze secondo alcuni studi alterano la produzione di ormoni e possono portare nei bambini a ritardi nello sviluppo mentale e psicomotorio. L’allarme è stato lanciato da una ricerca di una ong ambientalista britannica, Chem Trust.

Tracce di due ritardanti di fiamma bromurati, sospettati di provocare alterazioni ormonali, sono stati trovati nella plastica del 43% dei giochi esaminati. I PBDE sono usati per i dispositivi elettronici, ma in Cina i rifiuti che li contengono vengono riciclati e usati per fare giocattoli. L’Unione europea il mese scorso ha limitato l’uso di una di queste sostanze, la DecaBDE, ma secondo ong ambientaliste dovrebbe varare norme più severe su questi materiali.

Il mese scorso l’Università di Stoccolma ha lanciato l’allarme per i possibili danni da ipertiroidismo causati agli animali domestici dai ritardanti di fiamma bromurati contenuti in dispositivi elettronici e divani. (fonte: Ansa)