Blog

UE e finanziamenti per smart city: un primo bilancio

Al 31 dicembre 2016 oltre 192 milioni di euro di fondi europei sono stati assegnati a 21 progetti nell’ambito di Pon Governance 2014-2020, pari al 23,31% della dotazione complessiva, per aiutare la pubblica amministrazione a essere più efficiente, efficace, vicina a territori, cittadini e imprese.

E sono 14 le città metropolitane interessate dal programma Pon Metro, da nord a sud d’Italia, con una dotazione finanziaria di 90 milioni di euro per ciascuna città del sud e 40 milioni di euro per quelle del centro nord e Sardegna, per finanziare progetti innovativi e promuovere le smart city, per un totale di 892 milioni: Milano, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Roma, Reggio Calabria, Napoli, Bari, Cagliari, Palermo, Messina, Catania. “I due programmi – spiega l’agenzia Key4Biz – sono nati per questi forti cambiamenti e agiscono in modo coerente sviluppando sinergie che operano come reale moltiplicatore dell’efficacia dell’azione amministrativa”

I numerosi i progetti e gli interventi già avviati dai due programmi, finanziati con fondi Ue, sono stati presentati per la prima volta a Milano nel corso dell’evento annuale Fse-Fesr. “Gli incontri annuali dei programmi cofinanziati con i fondi europei servono per dimostrare cosa fa la politica di coesione e come le risorse si trasformano in azioni” ha spiegato il direttore generale dell’Agenzia per la Coesione territoriale Ludovica Agrò, che ha aggiunto: “oggi lo abbiamo dimostrato con i molti progetti di cui si è parlato, dall’agenda digitale all’agenda urbana, la riqualificazione delle periferie e la realizzazione del processo civile telematico o il progetto per la conciliazione vita-lavoro o quello sui beni confiscati alla mafia” (Fonte: Ansa)